Seguici su

Attualità

Gioia e delusione: quel San Valentino amaro

Gioia e delusione: quel San Valentino amaro

14 Febbraio 2018. Alla fine è arrivato, puntuale come ogni anno. Il giorno dell’amore, degli innamorati e delle coppie; un festival di rose, regali e baci perugina che ti circondano. Squilla la sveglia, inizia una nuova giornata pesante. Non è un bel risveglio lo ammetto: ho poca voglia di parlare ed ancor meno di ascoltare chi mi sta vicino. I social impazzano, la tv non è da meno ed il giornale che inizi a sfogliare è ricco di pubblicità per San Valentino. Inizio a lavorare finchè non mi imbatto nella classica goccia che fa traboccare il vaso: “Juve, errori e rimpianti”.

UNA NOTTE DI PASSIONE

Inizia il mal di testa già di prima mattina e il malumore aumenta. Poco importa se vicino a quel titolo, c’è una carrellata di foto di Wanda Nara, Federica Nargi e Jessica Immobile. La tua mente viaggia alla sera prima, quando avevi programmato una notte di passione per festeggiare al meglio San Valentino. Sono giorni che aspetti questo momento, come se fosse sempre la prima volta. Le premesse sono buone ed addirittura superano le più rosee aspettative inizialmente. Poi si palesa l’insicurezza, quel timore di non sentirti pronto per il “grande appuntamento” ed inizi a stentare finchè c’è l’occasione che tanto aspettavi. Sei lì, al posto giusto ed al momento giusto; ti ripeti in testa che devi solo baciarla e ce l’avrai fatta. Chiudi gli occhi e trattieni il respiro, come un rigore nei minuti di recupero. Tu, però, sbagli e prendi un palo in faccia, come quel pallone sulla traversa a Torino. L’epilogo è impietoso, torni a casa che senti di avere ancora qualche briciolo di speranza. Ti sbagli perchè hai lasciato la porta di casa aperta ed incustodita, per gli “stranieri” è un gioco da ragazzi entrarci. Neppure l’intramontabile portiere del tuo palazzo riesce a fermarli.

LA SPERANZA E’ L’ULTIMA A MORIRE

Hai ancora quel biglietto prenotato per Londra tra le mani. La serata è andata male, ma dentro di te non vuoi abbatterti. Sai che quella donna , adesso diventata “signora”, è quella giusta. Quindi ti metti a letto, immaginando già quello che ti aspetta tra tre settimane. Una lunghissima attesa con un finale ancora tutto da scrivere. Sarà Wembley, il teatro dei sogni, a coronare questo viaggio. Adesso è tempo di provare a dormire, nonostante i mille pensieri. Domani è San Valentino e non si può dimenticare la giornata dell’amore.

L’AMORE PER LO SPORT

Si lo devo ammettere, il mio San Valentino è stato decisamente rovinato la sera prima. Quel maledetto 2 a 2 in Champions che non mi ha fatto chiudere occhio la notte e mi accompagnerà per le prossime settimane. La testa è già proiettata al 7 Marzo, ma oggi non c’è frase da bacio perugina che possa tirarmi su. San Valentino è anche questo per noi amanti dello sport, bastano anche solo 90′ minuti per sentirti “tradito” da un qualcosa che ami così tanto. Ti farà soffrire, ti farà gioire, piangere o esultare ma ti accompagnerà per tutta la vita. Quindi lunga vita allo sport.

Buon San Valentino Sportivi

Ernesto Francia, editore classe 1991 per LivinplayNews. Laureato in Scienze storiche presso l'Alma Mater Studiorum di Bologna, collabora come giornalista per quotidiani ed editore per blog sportivi. Grande amante di calcio e basket, segue lo sport a 360 gradi unendo passione e lavoro.

Altro in Attualità