Seguici su

Attualità

Cosenza nel Paese delle Meraviglie

Cosenza nel Paese delle Meraviglie

Sabato 16 Giugno è andata in scena la Finale Playoff fra Cosenza e Robur Siena con vittoria della compagine calabrese. Se per il Siena il cammino è stato più semplice in virtù del secondo posto, quello del Cosenza è stato decisamente più lungo e tortuoso. Ma andiamo per ordine.

Fontana si, ma di lacrime

Fontana dopo la sconfitta della sua squadra a Siracusa

La stagione del Cosenza è stata particolare. In panchina è arrivato Gaetano Fontana, che l’anno scorso raggiunse i Playoff  con la Juve Stabia fermandosi al secondo turno. L’arrivo del nuovo mister e l’acquisto di giocatori di spessore e esperienza (Loviso e Pascali su tutti) crea entusiasmo intorno alla società e alla città che risponde presente, ma… Il Cosenza inizia la stagione nel peggiore dei modi possibili collezionando sconfitte su sconfitte e raggiungendo in pochissimo tempo la penultima posizione, che significa Playout. Fontana viene esonerato e la squadra milita nella parte bassa della classifica. Fontana si, ma di lacrime.

La Redenzione chiama, Braglia risponde

Esonerato Fontana, sulla panchina si siede Piero Braglia, allenatore di esperienza assoluta. Piazze come Lecce e Alessandria se lo ricordano bene, a Cosenza come lo ricorderanno? Braglia prende in gestione in gruppo con il morale ai minimi storici, complici i pessimi risultati e la posizione di classifica. Braglia non si scoraggia e crede sin da subito in questo gruppo, ottimi risultati e vittorie straordinarie (come quella tra andata e ritorno contro il Trapani) vengono raggiunti. La cura Braglia ha fatto effetto e la squadra dopo un girone e mezzo da protagonista raggiunge la quinta posizione che vuol dire Playoff.

Dal Primo all’Ultimo

Baclet festeggia l’ennesimo gol della sua stagione con la maglia dei Lupi

Iniziano i Playoff, il Cosenza parte dal primo turno e affronta la Sicula Leonzio: Autentica sorpresa del Campionato. Il Cosenza passa il primo turno vincendo 2 a 1, al secondo è la volta del Trapani. La tradizione di quest’anno si conferma ancora una volta e il Trapani perde sia all’andata che al ritorno contro i Lupi. Da li in poi è un susseguirsi di risultati clamorosi, ne sanno qualcosa Sambenedettese e Südtirol: Squadre più accreditate per il passaggio del turno. Ma non hanno fatto i conti con Braglia e sopratutto con l’autentico mattatore di questa fase Playoff: Allan detto Alain Pierre Baclet. Bolzano minuto 91 Cia segna il gol vittoria del Südtirol, Cosenza minuto 69 Baclet appena entrato segna, minuto 94 Frascatore infila il suo portiere. Il Cosenza è in finale.

Atto Finale

Robur Siena e Cosenza, Le Due Finaliste

Il Cosenza entra in campo con la testa verso un solo risultato: La Vittoria. Comincia la partita e il Siena si rende subito pericoloso, ma poi qualcosa nella testa degli uomini di Mignani si rompe e Bruccini realizza la prima rete della gara. Inizia il secondo tempo e in pochi minuti Tutino (ex Primavera Napoli) realizza il 2 a 0, il Siena sembra essersi spento, ma un calcio si rigore realizzato da Alessandro Marotta rianima la compagine toscana. L’incubo dei supplementari rischia di diventare realtà, ma ci pensa sempre lui a sciogliere ogni dubbio su chi andrà in B: Alain Baclet.
Cosenza benvenuto nel Paese delle Meraviglie.

Ama lo sport in tutte le sue sfaccettature e per ciò che riesce a generare nella persona. Ama effettuare interviste di qualsiasi tipo e spera che un giorno si possa realizzare in tutti i suoi campi.

Altro in Attualità