Seguici su

Attualità

Duello regale: Re Carlo sfida il conte Max

Duello regale: Re Carlo sfida il conte Max

Ci eravamo lasciati così pochi giorni fa: Juventus 95, Napoli 91. Mancini guiderà il nuovo corso della nazionale, l’estenuante iter per la formazione del governo sembra essere arrivato ad una svolta e tutti noi ci prepariamo ad un’estate fatta di calciomercato ed un mondiale da spettatori. Poveri illusi, solo poche ore e tutto è passato in secondo piano. Re Carlo Ancelotti è tornato e questa volta sbarca al sud, alle pendici del Vesuvio. Tutta l’Europa ci osserva, sembra un film hollywoodiano, i tifosi del Napoli hanno già dimenticato l’addio di Sarri. I sogni che si erano disgregati dopo la zuccata di Koulibaly, sono tornati più forti che mai. Da Napoli la sfida è stata rilanciata, Torino deve rispondere.

VINCENTE MA CRITICATO

Le parole parlano da sole. Il ritorno di Ancelotti ha distolto l’attenzione sull’ennesima annata di Massimiliano Allegri. Il conte Max serve un’altra doppietta scudetto-coppa Italia, recrimina qualcosa in Champions e decide di continuare sotto la Mole. Tuttavia le critiche sono tante nei confronti del tecnico livornese, valutato più per vicende extracalcistiche che di campo. Ci si dimentica facilmente dei successi e dei trofei; oggi Allegri è l’allenatore che ha distrutto lo spogliatoio Milan, che ha tagliato Pirlo e che non sa dare un gioco alla Juventus. Nonostante la vittoria nella bellissima sfida con Sarri, agli occhi di tutti appare come il perdente. Max sopporta e va avanti, si è tolto qualche sassolino dalla scarpa ed accoglie il suo nuovo sfidante con un tweet.

UN GRADITO RITORNO

Parliamoci chiaro, questo arrivo era già stato programmato da tempo. Bravissima la società Napoli ha tenere tutta la stampa all’oscuro e piazzare una “bomba” mediatica nel momento giusto. Il tempo di Sarri era finito, un grande allenatore italiano che adesso emigrerà. Il bel gioco, tuttavia, non ha portato alcun trofeo: per quelli c’era bisogno di uno specialista. Re Carlo, esperto di trionfi europei, accetta una grande sfida. Nessuna capitale europea, si torna in Italia non per la nazionale ma per un’altra maglia azzurra. De Laurentiis cala il suo jolly, i tempi sono maturi per cercare di prendersi il trono juventino. Naturalmente adesso arriva la parte migliore: sarà un’estate di calciomercato esplosiva e già si fanno i primi nomi del prossimo Napoli.

SERIE A DI NUOVO AL TOP?

Adesso è il quesito che ci poniamo tutti. Senza ombra di dubbio questa stagione ha dimostrato il valore del nostro campionato. L’unico a rimanere combattuto fino all’ultima giornata. Il ritorno di un big come Ancelotti può essere solo un bene per il nostro calcio, sperando anche in un percorso vincente con Mancini in nazionale. I nostri allenatori migliori stanno tornando in patria, l’occasione non  bisogna farsela scappare. Forse è la svolta che tutti aspettavamo? A livello mediatico ed di appeal sicuramente si, ma c’è ancora tanto da fare. Si preannuncia una serie A scoppiettante, godiamoci queste vacanze estive perchè da Agosto il clima sarà infuocato.

Ernesto Francia, editore classe 1991 per LivinplayNews. Laureato in Scienze storiche presso l'Alma Mater Studiorum di Bologna, collabora come giornalista per quotidiani ed editore per blog sportivi. Grande amante di calcio e basket, segue lo sport a 360 gradi unendo passione e lavoro.

Altro in Attualità