Seguici su
Raikkonen, Schumacher e Vettel in rosso Ferrari.

Attualità

Ferrari: da Schumi a Seb, passando per Kimi

Ferrari: da Schumi a Seb, passando per Kimi

10 anni: tanti ne sono passati dall’ultimo mondiale della Ferrari. 13 da un binomio, Italia-Germania vincente in un campionato di Formula 1 con una monoposto italiana. Il 2017, forse e con tutti gli scongiuri del caso, potrebbe essere l’anno buono. Ricordando Schumacher, passando per Raikkonen, può Sebastian Vettel scrivere una nuova pagina della gloriosa storia della Scuderia di Maranello?

Ricordo Schumi

Negli ultimi anni abbiamo sentito il “Das Lied der Deutschen” (in italiano: Il canto dei tedeschi), seguito dall’Inno d’Italia, per celebrare le vittorie di Sebastian Vettel. Ogni appassionato di Formula 1, allora, non può non essere catapultato indietro nel tempo. Quando vi era un altro tedesco scriveva alcune pagine della storia di questo sport: Michael Schumacher. Per lui cinque titoli mondiali consecutivi in Ferrari, più due con la Benetton. Inoltre, maggior numero di Gran Premi vinti, di Pole Position, di giri veloci in gara e di hat-trick.

Paragoni e auspici

Il paragone è stato immediato non appena Vettel è arrivato ad un passo dal record dei cinque campionati vinti. Il giovane in monoposto Red Bull, tuttavia, si fermò a quattro. Al passaggio in Ferrari, ufficializzato nel novembre 2014, il grande auspicio era uno e soltanto uno. Ovvero che Vettel riuscisse ad eguagliare i risultati del suo connazionale. La pista ha però parlato diversamente, almeno negli anni 2015 e 2016. Tre sole vittorie in due anni ed un 3° e 4° posto nella classifica piloti. Ma il 2017 sembra essere un anno diverso: 3 vittorie, 3 podi ed un quarto posto in sette gare, meglio di quanto fatto in tutta la scorsa stagione.

10 anni e ancora Kimi

Un anello dell’immaginaria catena che lega Schumacher a Vettel è sicuramente Kimi Raikkonen: ultimo pilota a riuscire a vincere un titolo mondiale con la Ferrari nel 2007 ed ancora oggi con la scuderia di Maranello. “Ice Man”, così soprannominato per il suo carattere che, anche nei momenti di gioia non sembra far trasparire la minima emozione, quest’anno sta ricoprendo il difficile ruolo di seconda guida ma la cui freddezza ed il cui aiuto potrebbero risultare decisivi per riportare il titolo piloti in Italia. Con un tedesco. 10 anni dopo.

Marco Quartuccio è uno degli editori di LivinplayNews. Laureato in giurisprudenza, ha approfondito i suoi studi in Inghilterra, affinando la conoscenza della lingua inglese. E' appassionato di tecnologia e sport: calcio, ciclismo e formula1 in particolare.

Altro in Attualità