Seguici su

Attualità

E’ tripletta italiana nella discesa! In Austria entriamo nella storia.

E’ tripletta italiana nella discesa! In Austria entriamo nella storia.

Siamo nella storia. Per la prima volta ieri in Austria a Bad Kleinkirchheim la nostra squadra femminile di sci porta tre ragazze sul podio nella specialità della discesa in questo ordine: prima Sofia Goggia, seconda Federica Brignone e terza Nadia Fanchini. E’ un traguardo storico nella Coppa del Mondo e la data del 14 gennaio 2018 va segnata e ricordata.

La gara

C’era grande attesa per la gara in tutta la squadra e le sensazioni sono state da subito buone anche se le ostili condizioni atmosferiche e il trattamento della pista “Franz Klammer” non ne hanno certamente agevolato lo svolgimento. Il cancelletto della partenza è stato abbassato di quota e il tracciato è stato per tutto l’arco della gara ghiacciato. Questo non ha però fermato la fame di vittoria  delle atlete azzurre. “I fuoriclasse si scoprono nel momento di maggior difficoltà”, sarà stato questo il pensiero fisso delle italiane e si può dire che si sia visto. Aggressività, concentrazione soprattutto coraggio nel non abbassare mai velocità e allentare la presa sono stati ingredienti fodamentali di questo trionfo.

Le vincitrici

Per Sofia Goggia, bergamasca 25 anni, è stata la prima vittoria di questa Coppa del Mondo mentre per la milanese Federica Brignone, 27 anni, è stata una conferma dopo il primo posto nel SuperG dell’altro ieri.

L’esperta bresciana Nadia Fanchini, 31 anni, aveva dato segnali di recupero dal brutto infortunio di un anno fa già dal quinto posto in SuperG e a maggior ragione da ieri sera cresce l’ottimismo per un suo pieno recupero magari già per le prossime Olimpiadi Invernali tra un mese. “L’emozione è tanta e soprattutto per Nadia per quello che sta passando e ha passato” dichiara Giacomo Radici, il fisioterapista della squadra, “il pieno recupero è lontano ma siamo sulla buona strada, è stata una gara difficile e poi fare un’impresa in casa degli austriaci ha tutto un altro sapore”. Secondo Radici la condizione delle ragazze, superati normali problemi fisici di inizio stagione, è tale da aspettarsi grandi soddisfazioni nel prossimo futuro. Si è dato un bel segnale a tutta la Coppa del Mondo in vista delle prossime gare a Cortina e Garmisch: l’Italia c’è!

Olimpiadi in arrivo

Risultati immagini per olimpiadi invernali 2018 immagini ufficiali

Dal 9 al 25 febbraio di quest’anno si svolgeranno in Corea del Sud le Olimpiadi Invernali numero 23 e, come da tradizione, l’Italia sarà protagonista in molte discipline. Le azzurre dello sci hanno dimostrato di avere adrenalina da vendere e di aver già indossato gli occhi della tigre o meglio, delle leonesse. C’è grande aspettativa ma non mancheranno le soddisfazioni. Lo sci, e in generale gli sport invernali, negli ultimi anni sono quelli che hanno regalato le maggiori soddisfazioni al nostro Tricolore. Ci auguriamo non si smetta adesso che tutto è appena cominciato. La FISI ( Federazione Italiana Sport Invernali) ha investito negli ultimi anni dimostrandosi anche attenta e con un occhio ai giovani soprattutto per quanto riguarda lo staff delle squadre e i risultati si stanno vedendo. La FISI è sempre più un orgoglio nazionale e per questo va celebrata.

Dedica Fanchini

Nella gioia della giornata di ieri c’è stato un momento di forti emozioni. Nadia Fanchini ha voluto apertamente dedicare il podio alla sorella maggiore Elena, anche lei sciatrice e membro della squadra, che però ha dato l’annuncio nel week-end di avere un tumore. Questo la costringerà a sottoporsi alle cure del caso che la terranno lontana dalle piste fino alla prossima stagione. La squadra e la sorella le sono vicino e hanno dedicato in coro un doveroso pensiero a una delle loro senatrici. Elena ha coraggio e forza e tornerà a ruggire presto con le sue leonesse. Sono tutte pronte ad alzare sempre più in alto la nostra bandiera anche in suo onore.

Risultati immagini per nadia elena fanchini

 

Editore bresciano, classe 1992, studente di Management all' Università Pompeu Fabra di Barcellona. Viaggiatore mai solitario e sempre alla ricerca di nuove avventure. Tra le sue passioni, oltre il calcio, vi sono la montagna e lo sci.

Altro in Attualità