fbpx
Seguici su

Attualità

Euro U-21: Tutto quello che non puoi non sapere

Euro U-21: Tutto quello che non puoi non sapere

Domenica 16 Giugno 2019 prenderà il via il Campionato europeo U-21. Per la prima volta sarà l’Italia, insieme a San Marino, ad ospitare la manifestazioe.

Albo d’oro

Sarà l’ultimo Europeo U-21 con dodici squadre. Infatti, dalla prossima edizione (2021), le partecipanti aumenteranno a sedici. La nostra nazionale dovrà difendere a casa propria i cinque titoli vinti tra il 1978 e il 2017. A seguire con quattro titoli, a morderci le caviglie, la Spagna, il nostro primo avversario. Cinque vittorie su sette finali sono arrivate per i nostri azzurrini.

Nel 1992 l’Italia sconfisse la Svezia nell’ultima edizione con finali in andata e ritorno. 2-0 a Ferrara per gli azzurrini e 1-0 per gli scandinavi a Vaxjo. Due anni più tardi una rete di Orlandini ai tempi supplementari contro il Portogallo decise la finale di Montpellier, in Francia. L’Italia riuscì a trionfare anche nell’edizione successiva a Barcellona contro i padroni di casa solamente ai calci di rigore. Decisive le parate di Pagotto e i rigori segnati da Fresi, Pistone, Nesta e Morfeo.

L’ultimo trionfo nel 2004 con Gentile CT

A Euro 2000 U-21 la quarta vittoria in finale contro la Repubblica Ceca per 2-1. Decisiva una doppietta di Andrea Pirlo, quando ancora faceva il trequartista ed aveva il 10 sulle spalle in quel di Bratislava. L’ultima vittoria risale nel 2004 a Bochum, in Germania. Gli azzurri trascinati da Gilardino e De Rossi battono in finale la Serbia e Montenegro, quando ancora erano una sola nazione, con un secco 3-0.

Città e Stadi

Le sei città coinvolte in questa competizione saranno:

  • Bologna, stadio “Renato dall’Ara“;
  • Trieste, stadio “Nereo Rocco“;
  • Udine, stadio “Dacia Arena“;
  • Cesena, stadio “Dino Manuzzi”;
  • Reggio Emilia, stadio “Mapei Stadium;
  • Serravalle, unica città di San Marino, stadio “San Marino Stadium“.

Formula e gironi

La competizione con dodici partecipanti, avrà la divisione in tre gironi da quattro squadre, dove soltanto la prima e la migliore seconda accedono alle semifinali.
Girone A:
– Italia
– Spagna
– Polonia
– Belgio

Girone B:
– Germania
– Danimarca
– Serbia
– Austria

Girone C:
– Inghilterra
– Francia
– Romania
– Croazia

I protagonisti

Quest’anno come non si vedeva da tanto tempo la nostra nazionale può vantare un organico molto competitivo, grazie a giocatori spesso titolari nelle squadre più importanti della nostra Serie A. Abbiamo diversi elementi che già vantano presenze nella nazionale maggiore, ma vista l’età il CT Luigi Di Biagio avrà la fortuna di allenarli e mettere in campo in ogni partita un undici ambizioso.

Sicuramente i nostri punti di forza saranno il centrocampo con calciatori del calibro di Zaniolo e Pellegrini, titolari alla Roma. Oppure Barella e Tonali al centro del mercato con Inter e Juventus tra tutte che seguono questi talenti. L’attacco con ChiesaKean, Cutrone e Orsolini manderanno in difficoltà Di Biagio per la fantasia di questi baby prodigi. Ho citato soltanto alcuni dei ventitré che da domenica avranno il compito di farci sognare già contro la corazzata spagnola.

In bocca al lupo azzurrini.

 

Gabriele Di Pietro, editore classe 1993 per LivinplayNews. Entra a far parte di Livinplay come esperto di Fantacalcio, ed ogni settimana dedica una rubrica al gioco che appassiona tantissimi fantallenatori. Appassionato di sport, in particolare Calcio, Tennis e Motori.

Altro in Attualità