fbpx
Seguici su

Attualità

Italiane alla conquista europea

Italiane alla conquista europea

Ci siamo, Nyon ha decretato le sfide delle fasi finali di Champions ed Europa League. Purtroppo la Coppa dalle grandi orecchie perde una protagonista importante come il Napoli. Gli azzurri si aggiungono a Milan, Lazio ed Atalanta nei giovedì europei. Sarà la volta buona per riportare un trofeo europeo in Italia? Dopo la mancata qualificazione mondiale, sarebbe il momento giusto per trionfare a livello di club. Il cammino è molto lungo e tortuoso per le italiane: analizziamo i sorteggi degli ottavi e sedicesimi di finale.

JUVENTUS – TOTTENHAM

Chiudendo al secondo posto nel girone, i bianconeri hanno affrontato un sorteggio durissimo. Pescare una squadra inglese era quasi scontato e, sulla carta, le due compagini di Manchester facevano molta paura. Tuttavia il Tottenham non è affatto da sottovalutare. Non deve ingannare, infatti, l’attuale 7 posto in Premier League. La squadra di Pochettino esprime un gioco veloce, unendo fisicità a grande classe. Lo ha dimostrato nel girone di Champions qualificandosi come prima nel girone, ai danni di Real Madrid e Borussia Dortmund. Il punto di forza è sicuramente il reparto offensivo con Kane, Alli ed Eriksen, mentre la difesa non è un muro insormontabile. La Juventus resta la favorita, per esperienza e qualità della rosa, ma ricordiamoci sempre che le italiane storicamente faticano in terra inglese. Particolare da non sottovalutare, i bianconeri affronteranno l’andata in casa ed il ritorno a Wembley. Fa ben sperare una caratteristica delle squadre di Allegri: sono sempre in gran forma alla ripresa della Champions League. In estate gli inglesi vinsero 2-0 in amichevole.

ROMA – SHAKHTAR DONETSK

Alzi la mano chi avrebbe scommesso sul passaggio del girone della Roma. Alzi la mano chi avrebbe scommesso sul passaggio da prima nel girone della Roma. Probabilmente nessuno aveva pronosticato tutto ciò. Eppure la squadra di Di Francesco, che corre anche in Serie A, ha espresso un gioco europeo d’alto livello. Il girone di ferro è stato superato, costringendo l’Atletico Madrid all’Europa League. Conquistando la prima fascia, i giallorossi hanno pescato gli ucraini dello Shakhtar. Avendo eliminato il Napoli, sono una squadra tutt’altro da sottovalutare. Non è più la compagine di Mircea Lucescu, che abbiamo ammirato negli ultimi anni. Tuttavia con Paulo Fonseca, gli ucraini sono tornati a far paura anche in Europa. Ancora una volta con i talenti sudamericani, un vero marchio di fabbrica per la squadra dell’est europa. Chiaramente la Roma appare favorita, ma deve sfruttare al meglio la gara d’andata per regalarsi un ritorno tranquillo. Siamo ben consapevoli del grande limite dei giallorossi: non tecnico – tattico, ma mentale. Se De Rossi e compagni reggeranno la pressione, potranno conquistare i quarti di finale.

ATALANTA – BORUSSIA DORTMUND

Pronti, partenza e via. Il primo sorteggio di Europa League è da togliere il fiato. Per tutti forse, ma non per l’Atalanta e per i suoi tifosi. In estate tutti avevano dato i bergamaschi per vittima sacrificale, risultato? Vittoria del girone su Lione ed Everton. Dopo le sfide in Francia ed Inghilterra, non poteva mancare la Germania. Gasperini si è detto entusiasta, vuole regalare e regalarsi un altro miracolo. Il Dortmund vive un periodo di crisi nera e, forse, sarebbe stato meglio affrontarlo in questo momento. Nonostante le tante individualità da Reus a Goetze, passando per Schurrle, Yarmolenko e Aubameyang, i risultati stentano ad arrivare. Eliminati dalla Champions League e terzi in campionato a -13 dalla vetta, è stato esonerato anche l’allenatore Bosz. L’Atalanta, dal canto suo, ha dimostrato di reggere bene l’impegno del giovedì e chissà che la società non faccia qualche regalo in sede di mercato. Sicuramente è una sfida affascinante e tutta Bergamo si sta mobilitando per la trasferta, l’esodo contro il “Muro Giallo”.

LAZIO – STEAUA BUCAREST

Si viaggia alla volta della Romania. Una sfida affascinante sicuramente, ma i biancocelesti partono nettamente favoriti. La squadra più titolata ed importante rumena, non rappresenta un’avversario insormontabile dal punto di vista tecnico e di qualità. Un buon sorteggio per Simone Inzaghi, da non sottovalutare però. Dopo una grande partenza in campionato, la Lazio sta rifiatando e deve assolutamente recuperare tutti i suoi uomini chiave. Di fatto la rosa non è mai stata al completo e calciatori come Anderson e Nani saranno fondamentali nelle sfide europee. Qualcosina ci si aspetta anche dal mercato invernale per puntellare la rosa. La Steaua punterà tutto sulla gara in casa e sulla bolgia del suo stadio. Il tecnico Dica, vecchia conoscenza del nostro calcio a Catania, non  potrà contare sul suo uomo simbolo Budescu, squalificato per l’andata. In campionato, attualmente, la Steaua è seconda alle spalle del Cluj.

MILAN – LUDOGORETS

Altra trasferta nell’est Europa. Questa volta è il Milan che viaggerà alla volta della Bulgaria. Diciamocelo, sorteggio benevolo ed avversario morbido. In questo caso fa più paura il Milan stesso, piuttosto che la colonia brasiliana del Ludogorets. I bulgari, infatti, possiamo definirli come uno Shakhtar 2.0. Per questo motivo, è compito del Milan ritrovarsi. In questo momento i rossoneri rischierebbero di essere eliminati ai sedicesimi. La crisi di gioco, la mancanza di risultati, l’esonero di Montella: i problemi del Milan sono molteplici e non si intravede alcun barlume di luce alla fine del tunnel. L’arrivo di Gattuso non ha fornito la scossa sperata e si rischia di intraprendere una stagione davvero fallimentare. Se, infatti, il campionato è decisamente compromesso passa dall’Europa League il riscatto. La vittoria della coppa garantirebbe, inoltre, la qualificazione alla Champions League, impossibile da raggiungere in Serie A. Questi discorsi, al momento, restano solo sulla carta. Il Milan ha bisogno di ritrovarsi alla svelta, altrimenti il cammino europeo rischia di interrompersi in Bulgaria.

NAPOLI – LIPSIA

Diciamo che poteva andare meglio. Se Lazio e Milan affronteranno l’Europa dell’est, il Napoli affiancherà l’Atalanta nella campagna tedesca. Gli azzurri, come i bergamaschi, pescano un’altra squadra proveniente dalla Champions League. La compagine, di proprietà della Red Bull, ce la ricordiamo come il miracolo tedesco. Oggi occupa il quinto posto in Bundesliga ed ha in Forsberg l’uomo simbolo. Lo svedese, che ha contribuito ad eliminarci con la nazionale, è l’elemento chiave della manovra d’attacco, decisivo specialmente il zona assist. La squadra è solida, come da tradizione tedesca, ed ha in Timo Werner il punto di riferimento d’attacco. Naby Keita è l’elemento di maggior valore del centrocampo, seguito da mezza Europa anche da squadre italiane. Il Napoli, dal canto suo, è favorito; tutto dipenderà dal peso che gli uomini di Sarri daranno alla competizione. Sulla carta si presentano come i favoriti insieme all’Atletico Madrid per la vittoria finale. Tuttavia la corsa allo scudetto toglie tante energie fisiche e mentali, l’impegno del giovedì non aiuta in questo senso. Aspettando i sedicesimi, Maurizio Sarri ha richiesto degli interventi sul mercato per allargare una rosa troppo corta e colpita da infortuni.

 

Ernesto Francia, editore classe 1991 per LivinplayNews. Laureato in Scienze storiche presso l'Alma Mater Studiorum di Bologna, collabora come giornalista per quotidiani ed editore per blog sportivi. Grande amante di calcio e basket, segue lo sport a 360 gradi unendo passione e lavoro.

Altro in Attualità