fbpx
Seguici su

Attualità

L’inizio di stagione dei maggiori campionati europei

L’inizio di stagione dei maggiori campionati europei

Questo inizio di stagione ha già regalato grandi sfide e molte incertezze nelle maggiori competizioni europee. Tralasciando il Paris Saint Germain, che obiettivamente in Ligue 1 non ha minimamente rivali. In tutto il resto d’Europa nei campionati principali quest’anno ci saranno delle vere battaglie fino all’ultima partita.

Premier League

Dopo il dominio dello scorso anno del Manchester City, che fin da inizio stagione aveva fatto capire di essere nettamente la squadra più forte della Premier League, quest’anno ci sarà molta più concorrenza. Le prime otto partite hanno confermato questo equilibrio dove i Citizen sono al comando assieme al Liverpool di Kloop ed il Chelsea di Sarri con sei vittorie e due pareggi.
Al momento la squadra di Guardiola si può vantare del miglior attacco e della miglior difesa in concomitanza dei Reds. Proprio i rossi di Liverpool, si sono rinforzati nei reparti dove l’anno scorso hanno ceduto in finale di Champions League contro il Real Madrid, acquistando un portiere di caratura mondiale come Alisson. Il Chelsea, rispetto ai rivali non partecipa alla competizione europea più blasonata. Dunque, avranno il vantaggio di utilizzare l’Europa League, come allenamento per le sfide di campionato, almeno in questa prima fase dove hanno praticamente già raggiunto i sedicesimi.
Dopo le prime due sconfitte proprio contro City e Chelsea, l’Arsenal, targata Unai Emery, ha collezionato sei vittorie consecutive e si è rimesso in carreggiata dal terzetto di testa e adesso la vetta è soltanto a due punti. Assieme ai rossi di Londra, un’altra squadra della capitale ha gli stessi punti, il Tottenham di Pochettino. Quest’anno in Premier League tutte le big inglesi possono vincere il titolo finale.

Liga BBVA

Chi si aspettava il solito duello per il titolo tra Barcelona e Real Madrid quest’anno non aveva considerato un equilibrio inaspettato. Dopo otto sfide al comando c’è il Siviglia di Pablo Machin. Approfittando di un inizio traballante delle big spagnole, il Siviglia si può vantare di aver messo in luce un attaccante che in Italia ha fatto molta fatica a mettersi in mostra con la maglia del Milan, Andrè Silva. Qualche mese fa Cristiano Ronaldo aveva dichiarato che la punta portoghese era il miglior centravanti che lo avrebbe sostituito con la maglia della Selecao Portoguesa. In questo inizio di campionato ha già segnato a raffica tra campionato e nazionale.
Un punto più sotto in classifica troviamo il Barcelona e l’Atletico Madrid. I blaugrana dopo un inizio convincente hanno cominciato a lasciare punti per strada, la sconfitta contro il fanalino di coda Leganes nel turno infrasettimanale ne è stata la conferma. Per quest’anno restano i favoriti, ma non sarà facile riconfermarsi. La banda di Simeone invece con una solida difesa e le invenzioni del suo giocatore più rappresentativo, Griezmann, darà del filo da torcere a tutte.
Un gradino ancora più sotto troviamo i pluricampioni d’europa del Real Madrid, orfani di Cristiano Ronaldo e Zidane. Julan Lopetegui neo tecnico delle merengues rischia seriamente l’esonero dopo le ultime prestazioni. Nelle ultime quattro sfide tra campionato e Champions League i blancos sono rimasti a secco in via realizzativa, portando soltanto un punto nel derby contro i colchoneros.
Assieme al Real a due punti dalla vetta altre due squadre, l’Espanyol e il Deportivo Alaves. Queste ultime due probabilmente sono le sorprese di questa nuova Liga, però alla lunga potrebbero accontentarsi di qualche posizione europea finale.

Bundesliga

Continuerà l’egemonia del Bayern? Ci sarà il settimo titolo consecutivo? Al momento i risultati non sono quelli delle previsioni. Perchè Niko Kovac è già a rischio dopo le ultime due sconfitte consecutive in campionato ai danni dell’Hertha Berlino e il Borussia Moenchgladbach all’Allianz Arena facendo precipitare al sesto posto i bavaresi.
Al comando il nuovo Borussia Dortmund di Lucien Favre che in sette partite è riuscito a portare a segno già tredici giocatori. Il capocannoniere di questa Bundesliga al momento è lo spagnolo Paco Alcacer. Dopo l’esperienza negativa di Barcelona, la punta si sta mettendo in luce come faceva ai tempi di Valencia. Quest’anno la vittoria del Meisterchale sarà una battaglia fino all’ultima sfida. Tra il Borussia e il Bayern ci sono quattro punti di differenza. In mezzo a questi punti troviamo altre quattro squadre tutte appaiate a quattordici punti, tre in meno della capolista. RB Lipsia, Borussia Moenchgladbach, Werder Brema ed Hertha Berlino avranno il ruolo di outsider per quest’anno.

Ligue 1

La differenza tra Serie A e Ligue 1 è la seguente. In Italia la Juventus è nettamente la più forte, nonostante le rivali si siano rinforzate con l’arrivo di CR7 i bianconeri sono superiori a tutte. In Francia non ci sarà mai competizione finchè il PSG non avrà rivali. Nove vittorie, trentadue gol fatti e sei subiti sono i numeri incredibili di questo inizio di campionato.
La vera notizia è il pessimo inizio del Monaco che ha già dovuto esonerare Jardim che in un campionato mediocre come la Ligue 1 aveva ottenuto la miseria di una vittoria facendo precipitare i monegaschi in zona retrocessione. La sorpresa è il nome del nuovo allenatore, un ex ancora amato, Thierry Henry. L’ex stella dell’Arsenal dopo essere stato l’assistente nel Belgio agli ultimi mondiali, si getta davanti a questa nuova esperienza in panchina per far risollevare le sorti della squadra del Principato.

Gabriele Di Pietro, editore classe 1993 per LivinplayNews. Entra a far parte di Livinplay come esperto di Fantacalcio, ed ogni settimana dedica una rubrica al gioco che appassiona ogni settimana tantissimi fantallenatori. Appassionato di sport, in particolare Calcio, Tennis e Motori.

Altro in Attualità