fbpx
Seguici su

Attualità

Mi chiamo Joseph, ma per voi sono Roman Reigns 1PT

Mi chiamo Joseph, ma per voi sono Roman Reigns 1PT

Il Football, la WWE, la fama e adesso il ritorno di un brutto male. Tutto questo è ciò che ha vissuto e sta vivendo Leati Joseph Anoa’i, conosciuto da tutti con il ring name di Roman Reigns. Oggi oltre a rivolgere una preghiera, ho deciso di ricostruire la sua carriera.

 

Gli inizi nel Football

Un giovane Joe Anoa’i nel mondo del Football americano

Il giovane Joseph ha cominciato a praticare il Football a 13/14 anni giocando prima nella Pensacola Catholic High School (squadra del liceo della sua città) e un anno nella Escambia High School. In quegli anni venne nominato miglior difensore dal Pensacola News Journal e nel 2003 ottenne la prima grande occasione. Iniziò a frequentare il Georgia Institute of Technology e di conseguenza iniziò a giocare con la squadra del college, riuscendo ad impressionare nonostante fosse un panchinaro. Al secondo anno divenne titolare e la sua scalata lo ha portato a ricevere la fascia di capitano nel 2006. Lo score di quell’anno è eccezionale: 29 tackle e 12 sack, alla fine del college iniziò a giocare per i Jacksonville Jaguars, ma la prima vera occasione gli venne concessa nei Edmonton Eskimos. Nel 2008 annuncia il suo ritiro a causa della leucemia che lo aveva colpito.

 

L’arrivo nel mondo dello Sport spettacolo

L’esordio ad NXT di Roman Reigns

Dopo aver sconfitto per la prima volta la leucemia, nessuna squadra di Football si è più interessata a Joseph. Ma un giorno la WWE si interessa a lui e gli fa firmare un contratto di sviluppo nel 2010, mandandolo in quella che era la ex FCW. Esordisce il 9 Settembre del 2010 con il ring name di Leakee, in quel periodo vinse il FCW Tag Team Championship in coppia con Mike Dalton (Oggi noto come Tyler Breeze). Nel 2012, la FCW chiude e tutti i suoi talenti vengono spostati ad NXT. Nello show giallo cambia ring name e da qui nasce Roman Reigns, Wrestler Heel (Di lineamento scorretto e cattivo) e combatte solo 3 match prima di fare il grande salto che lo porta nel roster principale.

La nascita dello Shield

Lo Shield da sinistra verso destra: Seth Rollins, Dean Ambrose e Roman Reigns con i titoli conquistati a Extreme Rules

Survivor Series 2012, Main Event: WWE Championship in palio, CM Punk (Campione all’epoca) difende il titolo dall’assalto di John Cena e Ryback. Dopo metà match, tre uomini vestiti con abiti antisommossa fanno irruzione nel ring e picchiano prima John  Cena e poi stendono Ryback con una tripla powerbomb sul tavolo dei telecronisti. I tre responsabili di questo attacco sono tre ex rookie di NXT: Dean Ambrose (che non ha mai disputato un match ufficiale ad NXT), Seth Rollins (campione in carica all’epoca di NXT) e Roman Reigns. Questi tre in FCW erano rivali e in WWE si ritrovano da alleati e nei mesi successivi al loro debutto hanno dettato la propria legge su tutto il roster di Raw e Smackdown. Ad Extreme Rules 2013, lo Shield vive la notte più importante di tutta la loro carriera. Dean Ambrose sconfigge Kofi Kingston e conquista il titolo degli Stati Uniti, mentre Roman Reigns e Seth Rollins sconfiggono Daniel Bryan e Kane vincendo così i titoli di coppia WWE. Dopo quella notte qualcosa cambia, non era solo una questione di titoli, ma era una una questione di stabilire la propria dittatura sportiva.

Lo Scudo si rompe

Il tradimento di Seth Rollins che sancisce la fine dello Shield

Dopo essersi alleato con l’Authority, lo Shield vive un periodo di grande splendore, ma non dura molto. Dopo un periodo di appannamento condito dalla perdita dei titoli di coppia, dalla sconfitta in un match 3 vs 1 contro CM Punk e la sconfitta contro la Wyatt Family (Bray Wyatt, Luke Harper e Erick Rowan). Lo Shield sembra essere sull’orlo della separazione, ma riesce a riconciliarsi e si allea contro l’Authority. A Wrestlemania 30 (Evento più importante dello Sport spettacolo), Lo Shield sconfigge i 3 rappresentanti dell’Authority (Kane, Road Dogg e Billy Gunn). La notte successiva a Raw, Triple H decide di scendere in campo riportando in WWE l’Evolution insieme a Randy Orton e Batista. Ambrose a causa dell’Evolution perde il titolo degli Stati Uniti in una Battle Royal, ma riuscirà comunque a prendersi la sua vendetta insieme ai suoi compagni rifilando all’evoluito due sconfitte scottanti, una ad Extreme Rules 2014 ed una a Payback 2014. La Notte successiva a Payback, lo Shield celebra la vittoria, ma l’Evolution irrompe e Triple H annuncia con le seguenti parole “C’è sempre un piano B”. Seth Rollins attacca e stende a colpi di sedia i suoi due compagni, lo Shield è finito, lo Scudo si è rotto.

Il Big Dog

Roman Reigns vs Brock Lesnar, il Big Dog colpisce la Bestia con la Spear

Con la separazione dello Shield, Roman Reigns comincia per la prima volta a sperimentare la competizione singola. In singolo si toglie moltissime soddisfazioni e vuole dimostrare al mondo intero che lui era il vero punto di forza dello Shield, ma come se la stanno cavando i suoi ex compagni di squadra? Seth Rollins quell’anno è riuscito a vincere la valigetta del Money in the Bank (Match in cui aveva partecipato anche Dean Ambrose). Roman quella stessa sera ha combattuto sempre in un ladder match, ma in palio c’era il vacante WWE World Heavyweight Championship reso vacante da Daniel Bryan per infortunio, sfortunatamente per lui non riesce a vincere e a cogliere la sua prima grande opportunità, a vincere il match fu John Cena. Ambrose e Rollins iniziano una faida, Roman invece continua ad inseguire il titolo massimo. A Battleground ha una nuova occasione di portarsi a casa la cintura, ma fallisce nuovamente. Dopo aver fallito per due volte l’occasione di diventare campione, inizia una faida con Randy Orton e successivamente una contro Big Show. Il 25 Gennaio 2015 arriva la prima grande vittoria della sua carriera, vince il Royal Rumble Match e conquista il diritto di sfidare il campione WWE Brock Lesnar nel Main Event di Wrestlemania 31. Nonostante sia diventato un lottatore Face (di lineamento positivo e corretto) Roman viene fischiato dal pubblico perché è stato aiutato da suo cugino The Rock a vincere la Rissa Reale, e da lì in poi verrà sempre fischiato. 29 Marzo 2015, Wrestlemania: Main Event Brock Lesnar vs Roman Reigns per il titolo WWE, più che un match sembra un regolamento di conti, certe mazzate che neanche nei peggiori bar di Caracas. Ad un certo punto quello che succede è incredibile, Rollins fa irruzione e decide di incassare il suo Money in the Bank (Il Money in the bank può essere incassato in qualsiasi momento entro un anno dalla sua vittoria a condizione che il campione si regga in piedi) e così partecipa anche lui alla contesa e si porta a casa il titolo WWE. Il Big Dog, per la terza volta beffato e incazzato come non mai.

Ricomincia la Scalata

Ennesima beffa subita. Una serata da dimenticare

Dopo esser stato beffato per la terza volta, Roman Reigns ha cominciato varie faide, tra cui una nuovamente con la Wyatt Family. In quello stesso periodo Dean Ambrose aveva iniziato una faida con Luke Harper (membro della Wyatt Family), vedendo una sera che la situazione era a suo sfavore, Reigns ha deciso di intervenire e così si allea nuovamente con il suo ex compagno di squadra. Questa faida si conclude ad Hell in a Cell 2015, dove Roman Reigns sconfigge Bray Wyatt in un Hell in a Cell match. La sera dopo a Raw, Reigns ha vinto un fatal 4 way match (match a 4), divenendo così il primo sfidante al WWE Championship di Seth Rollins, titolo che gli fu rubato a Wrestlemania. Il match purtroppo non si disputò poiché Seth Rollins si infortunò gravemente, a questo punto la WWE ha deciso di indire un torneo per la riassegnazione del vacante titolo massimo a Survivor Series. L’Authority ha tentato fino all’ultimo a convincere Reigns a schierarsi dalla loro parte, ma Roman ha rifiutato. A Survivor Series, Reigns vince per la prima volta il WWE Championship, ma il rifiuto all’Authority lo segnerà per sempre nella storia del titolo. Triple H attacca Reigns e fa incassare la valigetta del Money in the Bank al vincitore di quell’anno: Sheamus, e così Reigns beffato per la quarta volta stabilisce uno dei regni più brevi da campione WWE, soltanto 5 minuti e 15 secondi.

Il Big Dog Regna

Roman Reigns Vince per la terza volta il WWE Championship a Wrestlemania 32

Reigns non si da pace e la sera successiva a Raw gli viene concessa la rivincita, ma in caso di sconfitta sarebbe stato licenziato. Finalmente Reigns ce la fa e stavolta non c’è nessuna valigetta della beffa a fermarlo, il WWE Championship è suo per la seconda volta. Il 4 Gennaio 2016, difende per la prima volta la cintura contro Sheamus, in un match che vide Vince McMahon (Capo della WWE) come arbitro speciale, Reigns vince il match e difende con successo il titolo, ma Mr McMahon ha deciso che il campione dovrà difendere la cintura alla Royal Rumble 2016, nell’omonimo match contro altre 29 Superstar della WWE. Alla Royal Rumble, Roman Reigns passa la maggior parte del tempo nel Backstage, a causa di un attacco da parte della League of Nations (Sheamus, Rusev e Alberto Del Rio); Reigns rientra e fa piazza pulita della League of Nations ma perderà il match in favore di Triple H che si laurea 15 volte campione del mondo. Stavolta la sfida è molto più grande, Reigns contro l’Authority, contro il potere. L’Authority ha deciso che Reigns avrà la sua rivincita solo se riuscirà a vincere un Triple Threat Match (match a 3) contro il suo ex compagno Dean Ambrose e la Bestia Brock Lesnar a Fastlane. A Fastlane, Reigns riesce nell’impresa e finalmente andrà faccia a faccia con Triple H a Wrestlemania per il titolo WWE. Wrestlemania 32, l’evento più importante dello Sport Spettacolo e il 4° per importanza mondiale. Roman Reigns sconfigge Triple H e si laurea per la terza volta campione WWE, ma la folla lo fischia comunque durante e alla fine del suo secondo Main Event consecutivo. Ma questo poco importa perché il Big Dog Regna.

Ama lo sport in tutte le sue sfaccettature e per ciò che riesce a generare nella persona. Ama effettuare interviste di qualsiasi tipo e spera che un giorno si possa realizzare in tutti i suoi campi.

Altro in Attualità