fbpx
Seguici su

Attualità

Nasce la Juventus di CR7

Nasce la Juventus di CR7

Finalmente il grande giorno è arrivato, oggi Cristiano Ronaldo inizierà ufficialmente la sua avventura bianconera. Dopo l’ufficializzazione del colpo del secolo e la presentazione alla stampa, Cr7 è pronto a scendere in campo. Dalle ore 15 di oggi, infatti, Ronaldo inizierà la preparazione alla Continassa per la prossima stagione. Un momento importante perché prenderà confidenza veramente con il mondo Juventus, con le sue strutture e con i suoi nuovi compagni. Pochi in realtà al momento, ma di grande classe. Saranno, infatti, i reduci dal mondiale ad unirsi a lui: Dybala, Higuain, Cuadrado, Douglas Costa, Bentancur. Praticamente buona parte del reparto avanzato. Aspettando il ritorno di Allegri dalla tournèe negli Usa, gli interrogativi dei tifosi ed addetti ai lavori si concentrano su un’unica questione; come giocherà la nuova Juventus di CR7?

L’ALIENO SOTTO LA MOLE

Senza dubbio nessuno di noi ha ancora percepito il vero impatto che avrà Ronaldo sulla Juventus, sul calcio italiano e sulla situazione europea. Come sempre spetterà al campo parlare. Tuttavia è indubbio che un primo ragionamento si può fare sul peso di questo acquisto. La Juventus ha deciso di andare all in sulla Champions League dopo questa lunghissima serie di successi in Italia. E’ vero con Allegri sono arrivate due finali di Champions ma nel momento decisivo è sempre mancato qualcosa per colmare il gap guarda caso con le spagnole. La mossa della società è chiara: prendere il migliore su piazza, la vera bestia nera juventina. Allo stesso tempo con Ronaldo assicurarsi tutti i benefici che possono derivare dal binomio Juventus e Cr7 come azienda vera e propria. Insomma la Juventus ha messo a segno veramente il colpo del secolo a 360 gradi.

CR7 ED ALTRI 10

Sembrerebbe banale e riduttivo parlarne in maniera così superficiale. In realtà non si può vincere solo con Ronaldo in campo, anzi la sua presenza darà motivazioni extra agli avversari. Il suo ruolo nella Juventus? Allegri già è stato chiarissimo: Cristiano farà l’attaccante. Senza dubbio, all’età di 33 anni, CR7 ha raggiunto una maturità tecnico, tattica e mentale tale da poter essere decisivo sotto tutti i punti di vista. La Juventus, dal canto suo, ha una rosa talmente variegata che il tecnico livornese avrà grande abbondanza di scelte e moduli. Saranno decisivi questi ultimi giorni di preparazione in vista dell’esordio contro il Chievo. Attenzione, però, il mercato è ancora aperto.

FANTASIA, CONCRETEZZA E CINISMO

Allo stato attuale la Juventus ha un reparto offensivo estremamente completo e ricco. Attaccanti centrali, esterni, fantasisti. A bocce ferme il modulo che sembra convincere tutti è il 433 con Ronaldo insieme a Dybala e Douglas Costa. Si dà per scontata la partenza di Gonzalo Higuain direzione Milano o Londra. Per il momento accantoniamo l’idea che il Pipita possa rimanere, anche perchè si aprirebbero scenari veramente di stile fantacalcistico. Allegri ha sempre dimostrato di dare molto spazio al turn over, ai cambi in corsa, agli stravolgimenti di modulo. Sicuramente un’attacco immaginato così potrebbe dare peso e concretezza con Ronaldo oltre ad una dose altissima di velocità e fantasia con Dybala e Costa. Allo stesso tempo, però, bisogna sottolineare che a Cr7 è difficile chiedere anche tanto sacrificio nella lotta contro le difese avversarie, la Juventus deve pur mantenere un equilibrio di squadra. Per questo si fanno avanti anche altre ipotesi.

LA NUOVA JUVENTUS

Mario Mandzukic. Idolo della tifoseria e trascinatore della Croazia al mondiale. Potrebbe essere ancora lui l’elemento fondamentale per Massimiliano Allegri. La società lo ha blindato ed il motivo è semplice. Dopo essersi reinventato esterno, adesso potrebbe tornare nel ruolo di punta centrale. Il motivo? Lottare e sacrificarsi per aprire gli spazi a Cr7. Insomma quello che a Madrid faceva Benzema che nelle ultime stagione, infatti, ha notevolmente ridotto il suo numero di goal. Il croato, quindi, sarebbe l’elemento ideale da affiancare a Ronaldo. Dybala potrebbe anche ricoprire il ruolo di fantasista come Isco a Madrid. Tutto questo dimostra come Allegri veramente avrà tanta possibilità di scelta. Senza dimenticare la presenza di Bernardeschi e Cuadrado che possono dare il giusto contributo di fantasia e velocità. Insomma alla fine non conterà tanto il modulo, ma solo ed esclusivamente gli interpreti. Adesso mentre Ronaldo si appresta ad iniziare gli allenamenti, aspettiamo le ultime mosse di Marotta e Paratici. Nel calciomercato Ronaldo è già il passato, le sorprese potrebbero essere ancora dietro l’angolo.

Ernesto Francia, editore classe 1991 per LivinplayNews. Laureato in Scienze storiche presso l'Alma Mater Studiorum di Bologna, collabora come giornalista per quotidiani ed editore per blog sportivi. Grande amante di calcio e basket, segue lo sport a 360 gradi unendo passione e lavoro.

Altro in Attualità