fbpx
Seguici su

Attualità

Serie A: promossi, bocciati e rimandati del girone d’andata

Serie A: promossi, bocciati e rimandati del girone d’andata

E siamo giunti al giro di boa della nostra Serie A. Tra la pausa del campionato e l’inizio del calciomercato, possiamo dare i nostri giudizi su questa prima parte di torneo.

PROMOSSI

JUVENTUS

C’è ben poco da dire. La nuova Juventus di CR7 sta dominando in Italia ed è grande protagonista anche in Europa. !9 partite disputate, 17 vittorie e 2 pareggi. Mai sconfitti in campionato e con miglior difesa ed attacco. Ronaldo capocannoniere con 14 centri. Nove punti di vantaggio sulla seconda ed ennesimo campionato chiuso già a Gennaio? In Italia dipende tutto ed esclusivamente da loro.

NAPOLI ED INTER

Le inseguitrici stanno facendo un buon campionato, oscurato solo da una Juventus in formato cannibale. Saranno sicuramente le protagoniste principali nei prossimi anni. Gli azzurri hanno un fuoriclasse in panchina che non sta facendo assolutamente rimpiangere Sarri, che ruota tutta la rosa a disposizione e che, sicuramente, non snobberà l’Europa League provando a vincerla. I nerazzurri, nonostante qualche “grana” interna, si sono rilanciati proprio con la vittoria nello scontro diretto contro gli azzurri. La sensazione è che l’ossatura della squadra sia ottima e necessita solo di alcuni interventi mirati. Adesso tocca a Marotta.

SAMPDORIA, ATALANTA E PARMA

Probabilmente le squadre più divertenti del girone d’andata. Le prime due sognano in grande e puntano decisamente la zona europea. Giampaolo si sta dimostrando ancora una volta un grande allenatore poco sponsorizzato in Italia, meriterebbe una grande occasione. La Samp gioca bene ed esprime un calcio offensivo di grande livello, Quagliarella bomber eterno. L’Atalanta, dopo una prima parte di stagione difficile, si è ritrovata attorno a mister Gasperini. La Dea sta tornando una macchina perfetta con il trio delle meraviglia Zapata, Gomez, Ilicic in avanti. Occhio alla fase difensiva dove sta crescendo un altro potenziale fenomeno: Mancini. Il Parma è la sorpresa della stagione, ricoprendo il ruolo di neopromossa. Metà classifica con 25 punti conquistati ed un’ottima stagione sia in casa che in trasferta. La squadra è il giusto mix tra esperienza e gioventù con un totem difensivo come Bruno Alves e la freccia nera in avanti Gervinho.

RIMANDATI

MILAN

I rossoneri pagano qualche problema societario ed una serie infinita di infortuni. Allo stesso tempo non si possono cercare solo alibi per questa prima parte di stagione. Pesa l’eliminazioni in Europa league, tuttavia la squadra di Gattuso è saldamente al quinto posto ad un solo punto dalla zona Champions league. Adesso bisogna reagire e conquistare la qualificazione più importante per riportare il Milan nei palcoscenici che meriti. La lotta sarà agguerritissima ed i rossoneri non possono rinunciare ai goal del suo bomber Higuain. In attesa di qualche manovra in sede di mercato.

ROMA

Rischiava di finire tra i bocciati senza le ultime vittorie. I giallorossi sono una delle delusioni con i soli 30 punti conquistati ed il sesto posto in classifica. Di Francesco deve salvare la sua panchina ed una stagione che sembra sciagurata. Ci sono degli ottavi di Champions da giocare e superare con un avversario alla portata, ed un quarto posto da raggiungere. Purtroppo l’allenatore paga le cessioni specialmente al centrocampo sia in termini di qualità che di personalità e leadership.

FIORENTINA

Metà classifica e decimo posto. La Viola rischia un campionato anonimo. Eppure la squadra ha ottimi elementi che necessitato di trovare la loro dimensione in squadra e nel campionato. La Fiorentina resta, comunque, la squadra col maggiore potenziale ed ottime prospettive per il futuro. Occhio a questi giovani.

BOCCIATI

GENOA

In questo caso basta un solo nome: Enrico Preziosi.

BOLOGNA

Zona retrocessione, Inzaghi in palese difficoltà, una squadra senza anima. La proprietà e l’ambiente si aspettano da anni l’Europa, ma il Bologna sta vivendo la peggiore stagione degli ultimi anni. Inzaghi non sembra essere in grado di gestire questo gruppo, la squadra ha carenze in alcuni reparti e notevole abbondanza in altri, ci sono dei casi difficili da gestire nello spogliatoio. La proprietà si è già mossa in sede di mercato e continuerà a farlo, tuttavia anche una scossa sulla panchina sembra quasi necessaria.

CHIEVO E FROSINONE

Le due cenerentole del nostro campionato. I veronesi, dopo tanti anni, rischiano di tornare in Serie B. La squadra è fin troppo anziana e non può ripetere i miracoli degli anni precedenti. Se ancora a tirare la carretta ci pensa Pellissier un problema di fondo è evidente. Dall’altro lato i ciociari pagano, ancora una volta, una squadra inesperta per un campionato così difficile come la Serie A. Servirebbe più esperienza specialmente a centrocampo e nel reparto offensivo, dove manca un buon attaccante da salvezza.

Ernesto Francia, editore classe 1991 per LivinplayNews. Laureato in Scienze storiche presso l'Alma Mater Studiorum di Bologna, collabora come giornalista per quotidiani ed editore per blog sportivi. Grande amante di calcio e basket, segue lo sport a 360 gradi unendo passione e lavoro.

Altro in Attualità