fbpx
Seguici su

Attualità

Sorteggi benevoli, ma non troppo

Sorteggi benevoli, ma non troppo

Ieri a Nyon si sono svolti i sorteggi per delineare gli ottavi di finale di Champions League e i sedicesimi d’Europa League.

Urna da brividi a metà

Neanche una settimana fa eravamo pieni di speranze per vedere le nostre quattro italiane tra le prime 16 nell’Europa che conta. Ed invece risultati sfavorevoli per Inter e Napoli hanno fatto retrocedere le due squadre nella competizione europea del giovedì lasciando solo Juventus e Roma. Quest’ultime si sono qualificate con un turno d’anticipo, ma la classifica è stata diversa con bianconeri teste di serie e giallorossi in seconda fascia.

La squadra di Torino doveva cercare di evitare due squadre, in particolare, sulle sei a disposizione, Atletico Madrid e Liverpool. Il sorteggio è stato molto sfortunato perché dall’urna sono usciti proprio i Colchoneros allenati dal Cholo Simeone. Gli spagnoli daranno tutto per arrivare alla finale del primo giugno che si giocherà nel loro stadio, il Wanda Metropolitano. Massimiliano Allegri con un tweet post sorteggio ha dichiarato:“Chi ha ambizione, non ha timore”. Appuntamento al 20 Febbraio per la sfida di Madrid. Ritorno il 12 Marzo a Torino.

La Roma partendo dalla seconda fascia aveva solo davanti a sé squadroni che sono tutte candidate alla vittoria finale. La meno pericolosa, ma non meno difficile era il Porto dell’ex laziale Sergio Conceição. L’urna nonostante tutto è andata di lusso alla squadra della capitale, ma in questo momento la prima nemica della Roma è proprio la Roma stessa, forse nel peggiore momento degli ultimi anni. Mancano 2 mesi e può cambiare tutto, quindi il sorteggio sorride ai giallorossi, ma di certo non bisogna cullarsi perché i portoghesi sono sempre temibili e spesso nella doppia sfida hanno eliminato la squadra di Di Francesco.  Andata all’Olimpico il 12 Febbraio, ritorno allo stadio O Dragao il 6 Marzo.

Europa che sorride, ma anche una grossa insidia

Come detto in precedenza Inter e Napoli sono state sorteggiate come teste di serie per i sedicesimi d’Europa League. In seconda fascia la Lazio, unica superstite dall’inizio della competizione. Nonostante il passaggio del turno in largo anticipo, i biancocelesti hanno ceduto il primo posto ai tedeschi dell’Eintracht Francoforte che hanno chiuso il girone a punteggio pieno. Molte aspettative avevamo per il Milan, ma la sconfitta con due gol di scarto sul campo dell’Olympiacos ha eliminato il club più titolato d’Europa.

Nerazzurri e partenopei avevano molti vantaggi di affrontare squadre inferiori rispetto alle due italiane. Così è stato Rapid Vienna e Zurigo sono state rispettivamente sorteggiate per Inter e Napoli. Adesso l’unico problema sarà evitare di fare due brutte figure contro squadre molto più deboli ed entrambe si candidano come due tra le favorite alla vittoria della competizione. Spalletti e Ancelotti avranno il vantaggio di giocare in casa la partita di ritorno.

La squadra capitolina, essendo in seconda fascia doveva cercare di evitare le due inglesi di Londra, Arsenal e Chelsea, ed il Siviglia, che questa competizione la conosce molto bene. Ma il sorteggio è stato sfavorevole alla squadra di Simone Inzaghi prendendo proprio gli spagnoli allenati da Pablo Machin, che sta tenendo testa anche al Barcelona nella Liga spagnola. Periodo non tanto felice anche per l’altra squadra della capitale, ma il 14 Febbraio è lontano e può anche giocarsela ad armi pari. Andata all’Olimpico e sei giorni più tardi in Spagna, si giocherà eccezionalmente di mercoledì perché il giorno successivo sempre nella stessa città il Betis affronterà il Rennes.

 

Gabriele Di Pietro, editore classe 1993 per LivinplayNews. Entra a far parte di Livinplay come esperto di Fantacalcio, ed ogni settimana dedica una rubrica al gioco che appassiona tantissimi fantallenatori. Appassionato di sport, in particolare Calcio, Tennis e Motori.

Altro in Attualità