fbpx
Seguici su

Attualità

Storia di un giramondo: Marcello Falzerano

Storia di un giramondo: Marcello Falzerano

Vivere un sogno

Il primo gol a Salerno

Il primo gol a Salerno

Marcello Falzerano nasce il 12 aprile 1991 a Pagani, un comune della provincia di Salerno, con un sogno nel cuore: diventare calciatore. Dopo una lunga trafila nel settore giovanile della Salernitana, Marcello esordisce con la maglia granata in quella che era la vecchia C1 dove totalizza 15 presenze e un gol alla prima stagione da professionista.

Il calcio che gira

Dopo l’esperienza a Salerno, Marcello recita la parte del giramondo nazionale. In Campania veste anche le maglie di Benevento e Avellino, nel Lazio veste quella del Latina, ma un giorno arriva la prima grande occasione. “Marcello ho una proposta per te”. La curiosità cresce: “Da parte di chi?”, chiede Falzerano. “Dal Grosseto”. Marcello, in questo ipotetico dialogo è incredulo perché il Grosseto gioca in Serie B. Ma a volte il destino è beffardo, colleziona soltanto 4 presenze in B e nessuna occasione concreta per mettere in mostra il proprio talento.

Sotto il sole della laguna

Falzerano con la maglia del Bassano

Falzerano con la maglia del Bassano

Dopo la breve parentesi in Serie B, Marcello torna in Serie C1, stavolta con la maglia dell’Ascoli. Durante questo breve periodo vedrà il campo per 13 volte mettendo a segno una rete. A gennaio non c’è più posto in rosa per lui, per questo viene ceduto al Gubbio. Qui realizza lo stesso numero di presenze ottenute con la maglia dei marchigiani, ma realizza 4 gol. Marcello a fine stagione si riconfermerà giramondo nazionale, nuova tappa della sua carriera Pistoia. A Pistoia giocherà tutta la stagione e totalizza anche un buon numero di presenze e marcature ben 35 presenze e 5 gol. Dopo aver passato un anno fantastico a Pistoia, Marcello passa a titolo definitivo al Bassano Virtus. Ci giocherà per 2 anni, 2 anni in cui sfiorerà la Serie B. Manco a dirlo diventa una colonna della sua squadra, però a gennaio arriverà la chiamata che cambierà la sua vita. Joe Tacopina, attuale presidente del Venezia F.C., lo nota per il suo talento di sgusciare fra le difese e di conquistarsi punizioni e rigori, oltre a fornire assist a raffica. Marcello passa al Venezia F.C., sotto il sole della laguna.

Un leader silenzioso

Primo gol a Venezia

Primo gol a Venezia

Il Venezia lotta per la promozione diretta, Marcello risulterà fondamentale segnando un gol e sfornando un paio di assist. Maggio 2017: Il Venezia è in Serie B. Marcello ce l’ha fatta, conquista il campionato ed anche la riconferma per la prossima stagione in cadetteria. I tifosi di lui diranno che è bravo ma non segna, allora Marcello decide di zittire tutti. Marcello segna il primo gol in Serie B a Brescia, un gol che da il via alla rimonta con vittoria per il Venezia, per lui è una liberazione. La Serie B è ormai agli sgoccioli, Marcello ha fatto sua la squadra e non ha mai proferito una parola in merito, perché lui parla con i piedi. Il Venezia è matematicamente ai play off, grazie anche alle sue giocate e chissà se Marcello riuscirà a conquistare la tanto agognata Serie A, oppure si confermerà ancora una volta giramondo nazionale e chi lo sa che questo non possa proprio avvenire in massima serie.

Ama lo sport in tutte le sue sfaccettature e per ciò che riesce a generare nella persona. Ama effettuare interviste di qualsiasi tipo e spera che un giorno si possa realizzare in tutti i suoi campi.

Altro in Attualità